Dal lavoro al supermercato, dal ristorante al distributore, da casa di amici a quella della fidanzata: dovunque tu vada il tuo iPhone ti segue registrando, senza che tu te ne accorga, ogni tuo minimo spostamento. E' la sconcertante scoperta effettuata qualche giorno fa da due esperti informatici britannici, Pete Warden e Alasdair Allan, che hanno denunciato questa presunta violazione della privacy compiuta dalla Apple attraverso i suoi dispositivi come iPhone e iPad.

In sostanza, il sistema operativo iOS4 su cui si basano questi device ha incorporata una funzione che registra tutti i movimenti dei proprietari attraverso la rete 3G: questi dati vengono poi trasferiti sul computer centrale della Mela e, da lì, basta un semplice software per visualizzare su una mappa ogni spostamento.

Una funzione prevista dal contratto d'utilizzo del programma iTunes, ma che la grande maggioranza degli utenti ignorava: "Apple e i suoi partner e licenziatari - recita un paragrafo del regolamento - possono raccogliere, utilizzare e condividere dati precisi sul luogo, inclusa la posizione geografica in tempo reale, del computer o dispositivo Apple". La polemica è subito esplosa tra coloro che difendono la Apple e chi invece la accusa di violare la privacy di milioni di clienti in tutto il mondo.

L'atmosfera si è scaldata al punto che il leader dell'azienda in persona, Steve Jobs, ha voluto replicare alle violente critiche: "Non seguiamo nessuno - ha detto in un'intervista telefonica a "Mobilized", il blog di tecnologia del sito di notizie informatiche All Things Digital - .I file trovati nei telefoni, come abbiamo spiegato, erano sostanzialmente creati attraverso informazioni anonime che raccogliamo da decine di milioni di iPhone". Il CEO Apple ha precisato che ha intenzione di modificare i programmi in questione così da garantire una maggiore privacy agli utenti, e ha concluso dicendo che "si è saltati a un sacco di conclusioni sbagliate".

Per chi, nonostante tutto, non possa rinunciare ad avere un iPhone, una buona idea per ottenerlo senza spendere un patrimonio è richiederlo in abbinata ad un abbonamento telefonico: per scoprire tutte le compagnie che offrono l'iPhone e altri smartphone in comodato d'uso puoi utilizzare Supermoney, il portale per il confronto delle tariffe dei cellulari, che ti permette di valutare numerose proposte e di scegliere quella più conveniente.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e all'attivazione di un link di riferimento'.