L'economia zoppica, le famiglie riducono le spese, ma la tecnologia, cellulari in primis, non sembra sentire gli effetti della bufera finanziaria. Nokia, leader nel campo delle telefonia mobile, si è guadagnata negli anni un posto tra le major del settore e, nonostante gli scossoni della crisi, resiste saldamente, guadagnandosi il titolo di primo produttore al mondo di telefonia mobile.

I dati riportati dalla IDC (gruppo leader a livello mondiale nell'ambito della ricerca di mercato, nei settori dell'information technology, delle telecomunicazioni e della tecnologia consumer) relativi al terzo trimestre dell'anno evidenziano un incremento delle vendite del 12,8% per quanto riguarda i cellulari targati Nokia.

L'azienda scandinava, da luglio a settembre, ha venduto 106,6 milioni di cellulari, a fronte di un mercato che complessivamente ha visto circolare 393,7 milioni di esemplari: questo significa che oltre un quarto del mercato mondiale di cellulari e smartphone (27,1%) è nelle mani di Nokia. E la grandezza di questi numeri fa dimenticare che si sia verificata una contrazione del 3,4% rispetto allo scorso anno.

A seguire figurano la coreana Samsung, con il 22,3% delle quote di mercato e 87,8 milioni di telefoni; LG, che produce 21,1 milioni di telefoni (registra un calo del 25,7%); mentre Apple, con 17,1 milioni di cellulari venduti, si classifica quinta (21,3% della quota di mercato).

È importante sottolineare che questa analisi prende in considerazione l'intera produzione di telefoni cellulari, quindi non solamente smartphone, categoria a cui appartiene l'iPhone, che è l'unico prodotto della società in questo campo.

Sebbene in Italia, le tariffe cellulari siano le più alte d'Europa, il mercato tiene botta. Per sopravvivere al caro-prezzi, l'utente può cercare di tagliare i costi delle tariffe telefoniche grazie a SuperMoney, il portale che offre un servizio di confronto tariffe cellulari proposte dai più importanti gestori di telefonia, con la possibilità di trovare la soluzione più conveniente tra le tariffe cellulari ricaricabili o in abbonamento.