Il mercato dei cellulari in questi ultimi anni ha visto dei forti e rapidi cambiamenti. Se fino a qualche tempo fa Nokia era la padrona incontrastata della telefonia mobile e la Sony rimaneva uno dei marchi più importanti non solo nel campo dei dispositivi mobili, ma anche dell'elettronica nel suo complesso (televisori e apparecchi per la musica), ora a primeggiare ci sono la casa coreana Samsung e la casa creata da Steve Jobs, la Apple.

I due famosi marchi non hanno saputo tener testa alle innovazioni del settore della telefonia mobile dove l'affacciarsi di Apple ha segnato una vera e propria rivoluzione. Così, mentre la casa sudcoreana ha saputo affrontare il successo di Apple, puntando su diversi modelli di cellulari (anche di fascia bassa) e sul sistema operativo di Google, Android, il colosso finlandese Nokia e quello giapponese Sony sono rimasti indietro. A contendersi il mercato ora sono quindi rimasti due protagonisti principali: Samsung e Apple.

Stando alle ultime notizie che circolano sul web sembra che la casa sudcoreana in questo primo trimestre del 2012 avrebbe superato Nokia nelle vendite di cellulari. Samsung avrebbe venduto circa 90 milioni di dispositivi mobili, di cui quasi la metà smartphone, mentre Nokia 83 milioni di pezzi (di cui solo 12 milioni di smartphone). Il passaggio dalla vecchia piattaforma Symbian a Microsoft e l'uscita del nuovo Nokia Lumia 900, sui cui molto contava la casa produttrice, non sembrano essere bastate per riportare in auge la casa finlandese che non riesce a risollevarsi.