Il settore dei sistemi operativi per cellulari è dominato in modo incontrastato da iOS e Android (quest'ultimo in forte crescita). I concorrenti sono tutti un pò zoppi, soprattutto Windows Phone 7 e Blackberry, lontani anni luce dalle caratteristiche dei vincenti. Si parla spesso dell'ingresso sulla scena di Amazon o Tizen, ma la vera novità sembra essere Mozilla.

Uno dei più diffusi browser al mondo tenta il salto nel mondo della telefonia, proponendo Firefox OS. Più che un vero e proprio sistema operativo, si tratterebbe di una piattaforma basata appunto sul browser della volpe, con delle web app estremamente leggere. Questa caratteristica lo renderebbe molto adatto ai cellulari di fascia medio-bassa, di solito dotati di un hardware non molto potente.

Le peculiarità che potrebbero rivelarsi fondamentali per un'ampia diffusione? Anzitutto la filosofia open source (che ha già funzionato benissimo per Android): Firefox non ha licenza, quindi è gratis, ed è costantemente migliorato dai contributi di tutti gli utenti. Poi la scelta del linguaggio HTML5, adottata dai cellulari di nuovissima (e futura) generazione. Il vantaggio per gli utenti finali sta tutto nel prezzo, notevolmente più basso rispetto a quello dei cellulari più richiesti oggi.

Sul nuovo sistema operativo stanno scommettendo in tanti, dalle cinesi TCL e ZTE che avrebbero pronto un nuovo hardware, agli operatori di telefonia mobile, tra cui anche Telecom Italia, Deutsche Telekom, Etisalat, Smart, Sprint, Telefónica e Telenor. Il nuovo sistema verrà lanciato all'inizio del 2013 in Brasile e sarà basato sul processore Snapdragon di Qualcomm.