Acquistare in rete è sempre più di moda. A confermarlo è la rapida crescita degli shoppers che da aprile 2011 sono aumentati dell'11%, sfiorando i 10 milioni nell'ultimo trimestre del 2012. Non solo, tra questi molti acquistano sul web tramite mobile, tanto che, stando alle previsioni, nell'arco di due anni, l'm-commerce potrebbe addirittura superare l'e-commerce. Ma l'ultima frontiera dello shopping online arriva dagli Usa ed è multidevice, prevede cioè l'utilizzo di più dispositivi: smartphone, tablet e pc.

Secondo una ricerca condotta negli Stati Uniti da Sterling Brands e Ipsos, due terzi degli intervistati, tra i 18 e i 64 anni, effettuano acquisti online utilizzando più device. Tra questi il 65% inizia a cercare i prodotti con lo smartphone, per poi continuare con il tablet e magari completare l'acquisto sul pc. Ovviamente le percentuali di utilizzo dei singoli apparecchi, cambiano a seconda delle preferenze e lo studio mostra, ad esempio, che chi comincia a cercare i prodotti da comprare con il pc (25%), continua poi sullo smartphone (19%) e termina sul tablet (5%). Mentre chi iniziare a navigare su piattaforme di e-commerce tramite tablet (11%), prosegue con il pc (10%) e conclude l'acquisto sul cellulare.

Si tratta di un'abitudine che nasce dalla recente moltiplicazione degli schermi e che ha ormai investito moltissime attività: oltre allo shopping online, anche la navigazione internet, il social networking, la ricerca di informazioni, i servizi finanziari, i viaggi e la visione di video online. Stando all'indagine, la maggior parte degli utenti (63%) preferisce iniziare le proprie attività multi schermo dallo smartphone, quando deve solo navigare online o accedere alle reti sociali, riservando invece l'uso del pc alle operazioni più complesse, come l'acquisto di biglietti online o l'accesso ai servizi bancari.