In arrivo In Italia i nuovi cellulari del colosso cinese Zte. Questa multinazionale sbarca nel nostro paese con i nuovi smartphone, che promettono di essere altamente competitivi nel rapporto qualità-prezzo. Non è un mistero che l'azienda, nata nel 1998 e presente da noi dal 2007 tramite i maggiori operatori telefonici, miri a divenire il terzo produttore mondiale entro il 2015, subito dopo i colossi Apple e Samsung.

La Zte crede di poter raggiungere tale risultato soprattutto grazie al modello di punta, lo smartphone Gran X Classic, che possiede tutto o quasi ad un prezzo davvero allettante.

Scheda tecnica:

  • Grand X Classic - Android Ice Crema Sandwich - Processore dual core da 1 GHz - Schermo da 4,3 pollici Qhd - Fotocamera 5 megapixel - Prezzo 249 euro.

Gli altri modelli proposti sono Skate ed Atlas, 199 e 149 euro e altri tre telefonini normali.

Senza troppo clamore e quasi passando sotto silenzio la Zte è pronta a invadere il nostro mercato a partire da ottobre a novembre con 6 nuovi modelli, che, a detta di Alberto Bevilacqua, Terminal Sales Director di Zte Italy, si presenta al pubblico come valida alternativa: "è il momento di sfidare la polarizzazione del mercato, proponendosi a chi non vuole farsi influenzare dalle mode, a chi ricerca terminali di valore con un buon rapporto qualità/prezzo".

In un mercato in crescita come quello della telefonia, che non sembra risentire di alcuna crisi, è possibile che la Zte riesca a diventare il terzo incomodo ed entrare nel cuore e nelle tasche dei consumatori, sempre che mantenga le promesse fatte.

La fetta di mercato degli smartphone da conquistare, al di là dei due colossi già ampiamente noti, è del 50% ed è in questa fascia che si sfidano i vari contendenti a suon di prodotti ed innovazioni tecnologiche.

La battaglia è appena cominciata. Bisogna vedere come reagirà il pubblico italiano, assai competente e selettivo in questo campo, davanti a queste nuove offerte soprattutto con l'arrivo del periodo Natalizio, momento privilegiato per i nuovi acquisti.

Il colosso cinese si presenta con un buon curriculum alle spalle e buoni basi per fare bene. Offre modelli all'avanguardia a prezzi competitivi, abbatte i costi puntando su Android e rinunciando ad una propria campagna pubblicitaria,senza però trascurare iniziative mirate nei vari punti vendita. Sarà sufficiente per scalfire il predominio dei più famosi e desiderati Apple e Samsung?