In tempi di crisi mondiale come quella che stiamo attraversando la parola low cost accende l'immaginazione delle persone, figurarsi se poi è la Apple ad annunciare l'intenzione di produrre un iPhone a bassissimo costo. L'ipotesi circola dal lancio del primo melafonino, ma l'azienda di Cupertino non ha finora proposto nulla di concreto; adesso, però, stando a quanto riportato da Gene Munster, uno dei più noti analisti del mondo Apple e occhio sulla Mela della banca d'affari Piper Jaffray, un iPhone Mini sarebbe decisamente nei piani di Tim Cook.

L'arrivo sul mercato non sarebbe imminente ( si parla infatti del 2014), ma tanto basta ad accendere la fantasia degli appassionati. Il dispositivo potrebbe ricalcare quanto già fatto dall'azienda americana con l'iPad Mini, ovvero riprendere un prodotto di generazione precedente, aggiornarlo in parti specifiche e di fatto realizzare un prodotto nuovo. Si parla di un miglioramento del processore e del comparto fotocamera, ma non è chiaro se riprenderà il display più ampio dell'iPhone 5 o manterrà quello del 4/4s.

La mossa della Apple servirebbe per contrastare Android: il mercato degli smartphone nei paesi emergenti è in rapida ascesa ed il settore low cost, in questo momento, è quello dove Android raccoglie la più ampia fascia di consensi. Anche per questo i dirigenti della Mela vogliono immettersi in mercato che potrebbe fare da traino nel futuro più immediato rimanendo sotto la soglia monetaria (e psicologica) dei 300 euro.