Uno schiaffo di quelli che fa male; alla fine la Apple ha dovuto alzare bandiera bianca e permettere l'accesso sul proprio store delle mappe di Google. Alcuni mesi fa proprio l'azienda della Mela annunciò il divorzio dalla compagnia di Mountain View lanciando cosi le mappe firmate Apple che, a conti fatti, si sono rivelate però un vero e proprio fiasco.

Oltre alle lamentele dei clienti che segnalavano ogni tipo di problemi (distanze sbagliate, risultati non trovati, nomi errati) si è aggiunta anche la polizia australiana che ha addirittura giudicato "rischioso" l'utilizzo delle mappe dopo l'episodio che ha visto costretti alcuni automobilisti australiani diretti alla città di Mildura, erroneamente posizionata al centro del Sunset Murray National Park, portando fuori strada di circa 70 chilometri rispetto alla posizione originale, a rimanere per circa 24 ore isolati dal mondo, senza cibo e acqua.

Il ritorno del colosso americano è stato accolto con grande entusiasmo da tutti i "delusi" della Apple tanto da far registrare il record assoluto di download in poco meno di 7 ore, ricevendo inoltre un grande apprezzamento; nel Regno Unito è stata valutata 4,5/5 da 1026 votanti dando cosi il ben servito alla creatura dell'azienda di Cupertino.

Disponibile per iPhone e iPod Touch iOS 5.1 e successivi anche in lingua italiana, la nuova app è stata completamente riprogettata e permette anche la visualizzazione 3D con assistenza vocale e situazione del traffico, avvicinandola cosi ad un vero e proprio navigatore satellitare. L'app di Google prevede anche l'utilizzo di una specie di "bypass" che gli permette di integrarsi con il sistema operativo bypassando l'app mappe di Apple; il colosso di Mountain View ha annunciato inoltre che una versione delle mappe sarà presto disponibile anche per iPad.