Dopo 14 anni sul trono dei cellulari, Nokia deve cedere il posto a Samsung. Secondo i dati della società di ricerca a iSuppli, il 2012 sancisce il definitivo dominio del colosso sud coreano nel campo di cellulari, con una quota del 29% di mercato (5% più rispetto al 2011). Nokia scende al secondo posto con una quota di mercato del 24%, rispetto al 30% dello scorso anno. Tra i due litiganti si fa strada Apple: 10% della quota di mercato (3% in più rispetto al 2011).

I motivi del sorpasso di Samsung e del collasso di Nokia. Come evidenzia l'analisi di iSuppli, Samsung produce decine di nuovi modelli di smartphone ogni anno indirizzati a tutti i segmenti del mercato, dalla fascia alta (come il Galaxy S2 o S3) alla fascia bassa. L'azienda coreana ha saputo scegliere e sfruttare il sistema operativo Android, e ora guida le tendenze di design degli smartphone, cura le esigenze degli utenti. Crea quindi prodotti per soddisfare il mercato in modo rapido ed efficiente. Nokia invece, è rimasta frenata dalla transizione al sistema operativo Windows Phone per i suoi telefoni: le vendite dei vecchi device basati sul sistema operativo Symbian sono calate, mentre quelle degli smartphone col nuovo Microsoft Windows 7 non sono state in grado di compensare la perdita.

Samsung primo produttore di smartphone. A confermare il successo di Samsung nel 2012 sono i dati di distribuzione e vendita di smartphone: primo posto con il 28% della distribuzione globale e con l'8% in più dello scorso anno. Nokia invece scende drasticamente al 5% (-11% rispetto al 2011). Apple rimane stabile al 20%, guadagnando l'1% rispetto al 2011.