Dopo mesi di notizie e rumors arriva anche in Italia la possibilità dei pagamenti contactless da smartphone. Poste Mobile è il primo operatore a commercializzare le sim Nfc che permettono di sfruttare la tecnologia di ultima generazione che permette i pagamenti ultraveloci.

Tutti i clienti possessori di cellulari Nfc potranno fare acquisti presso i punti abilitati al circuito Mastercard paypass. La sperimentazione è partita dalla città di Milano, simbolo del progresso economico del nostro paese e presto sarà aperta ad altri comuni.

Nfc sta per Near Field Communication, espressione con cui si indica la tecnologia di dialogo tra il cellulare e i pos, presenti presso i punti vendita, per abilitare il pagamento di qualsiasi merce o servizio in vendita.

La sim Nfc di Postemobile integra una carta prepagata Postepay newgift. Caricata e attivata la carta, è necessario abilitare il pagamento tramite l'app Nfc e avvicinare il cellulare al Pos e così avviene la transazione.

Si tratta di un' operazione molto veloce e pratica che per importi inferiori a 25 euro non prevede la digitazione del pin della carta. Per gli importi superiori sarà necessario digitare il solito codice che tutti gli utilizzatori di carte bancomat sono abituati a utilizzare da anni.

Poste Italiane intende estendere il servizio a breve agli uffici postali sparsi sul territorio italiano e sui palmari dei portalettere.

La tecnologia Nfc permetterà in futuro la dematerializzazione di alcuni servizi della pubblica amministrazione. La tecnologia infatti riuscirà ad integrare sulla sim documenti quali la carta d'identità, il passaporto, la tessera sanitaria, la patente e la firma elettronica. Il futuro vedrà sempre più convergere le tecnologie, il cellulare diventerà strumento fondamentale e di uso quotidiano, soprattutto se avrà la funzione di borsellino elettronico.