Potrebbe essere l'iPhone del futuro. Stando alle informazioni raccolte su internet la Apple avrebbe depositato un brevetto per un nuovo dispositivo portatile che, secondo molti, potrebbe trattarsi dell'ormai famosissimo smartphone economico del futuro che sta tenendo tutti con il fiato sospeso.

Il brevetto presentato dall'azienda americana è stato depositato presso il United States Patent & Trademark Office che lo ha archiviato con il numero 8.364.032. Il disegno mostra un iPhone senza il tasto "Home" centrale, senza fotocamera frontale e sembra essere costituito interamente da materiale plastico. Questa parte esterna viene descritta come "cover protettiva isolante dalla luce per device elettronici di piccole dimensioni", mentre il brevetto completo afferma:"Device portatile che ha una fotocamera posteriore e uno schermo anteriore e che include almeno uno strato protettivo di copertura. Il display è formato da strati formati da componenti interconnessi, supportati da un telaio".

Potrebbe trattarsi di un nuovo modello progettato dall'azienda di Cupertino per espandere ulteriormente il proprio business e confermarsi ai primi posti del mercato internazionale degli smartphone; se confermato, infatti, sarebbe un duro colpo per la concorrenza tanto più che un dispositivo del genere, se tutto venisse poi trasformato in realtà, potrebbe generare più di 6,5 miliardi di dollari all'azienda americana. In una nota la Apple afferma che "dovrebbe essere apprezzabile il fatto che altri materiali trasparenti, come la plastica trasparente, possano essere usati". Se la parte anteriore dovrebbe essere senza il tatso Home e la fotocamera per quella posteriore si parla di una cover protettiva che può avvolgere e proteggere il retro senza interferire negativamente con le operazioni di scatto delle immagini.

Il brevetto in questione sarebbe stato assegnato in data 29 gennaio 2013 mentre la Casa si sarebbe premunita di presentarlo molto prima, il 21 febbraio scorso, all'USPTO. A questo progetto avrebbero lavorato gli ingegnieri Chong Yip Chow, Hongqin Zhang, Shizhe Shen e Michael DiVincent, ma anche in questo caso non abbiamo conferme sul fatto che il loro lavoro sia mirato alla creazione di un iPhone di plastica.