Secondo alcune indiscrezioni, Apple e Samsung, i due colossi della telefonia mondiale, starebbero lavorando alacremente alla realizzazione di nuovi dispositivi di ricarica wireless (ovvero senza fili) per i loro cellulari di punta, l'iPhone 5S e il Galaxy S IV. Le due case dovrebbero adottare standard differenti tra loro anche se uniti dal comune obiettivo di rendere sempre più fruibile la possibilità di alimentare i propri dispositivi anche in itinere e di poterne usufruire in continuo.

Secondo il Digitimes, per il Galaxy S IV, Samsung starebbe pensando di utilizzare lo standard Qi del Wireless Power Consortium consistente nell'adozione di un accessorio da collegare allo smartphone in sostituzione della cover tradizionale usata dagli utenti.

Apple starebbe perfezionando al contrario una soluzione interna, anche se non è ancora del tutto chiaro se tale tecnologia sarà prevista di serie sull'iPhone 5S o farà parte di un accessorio venduto a parte. In merito alla metodologia di ricarica wireless degli smartphone della casa della mela, Phil Schiller, noto dirigente di Apple, a fine 2012 aveva dichiarato: "I sistemi a induzione devono comunque essere collegati all'impianto elettrico nei muri, per cui non è abbastanza chiaro il vantaggio che apportano. Il diffusissimo cavo USB, invece, può essere utilizzato con tutte le prese, i computer e perfino gli aerei. Dover creare un altro dispositivo da collegare alla corrente si rivela in realtà, nella maggior parte delle situazioni, più complicato".

La soluzione al problema potrebbe essere nello sviluppo in corso delle tecnologie miranti all'effettuazione della ricarica wireless per risonanza magnetica. Apple potrebbe in tal modo differenziarsi rispetto alla tradizionale tecnologia a induzione. Non resta che attende maggiori indiscrezioni o chiarimenti ufficiali da Cupertino.