Ormai si susseguono da diversi mesi voci riguardo il nuovo iPhone low cost di Apple che con il passare del tempo starebbe prendendo forma. Dopo le recenti indiscrezioni apparse sul sito giapponese specializzato Macotakara, riguardanti l'impiego di uno chassis in policarbonato al posto del più dispendioso alluminio in modo da abbattere i costi mantenendo alta la qualità, iniziano a trapelare notizie anche riguardo il nuovo processore interno.

La cosa più interessante a riguardo è che per produrre questo dispositivo la casa di Cupertino avrebbe deciso di interrompere il decennale rapporto con Samsung, pare infatti che si sarebbe rivolta stavolta a Qualcomm e avrebbe in mente di usare come centro elaborativo del nuovo iPhone uno dei sui Soc Snapdragon.

La notizia è stata data proprio di recente quotidiano China Times e e dell'ormai famoso sito giapponese Macotakara.Entrambi infatti riportano la notizia che Apple vorrebbe servirsi di una delle varie tipologie di Soc Snapdragon di Qualcomm per l'iPhone low cost. Secondo quanto riportato dalle indiscrezioni la produzione potrebbe prendere il via già nel secondo trimestre dell'anno in corso, definendo in questo modo un primo step nella strategia che prevede una riduzione della dipendenza da Samsung che la casa di Cupertino vorrebbe mettere in atto in modo da libersrsi una volta per tutte dal produttore sudcoreano. La casa Apple avrebbe intenzione di optare per una soluzione Soc a 28 nanometri che contribuirebbe notevolmente ad abbassare i costi del nuovo terminale rispetto ai modelli attualmente presenti sul mercato.

All'interno del catalogo Qualcomm sono presenti ben due soluzioni diverse che potrebbero interessare la Apple: Snapdragon 400 e Snapdragon 800.Tutte e due le opzioni sono prodotti a 28 nanometri e integrano in un'unica soluzione i moduli di connettività cellulare, WiFi e Bluetooth, quindi adatti per raggiungere lo scopo finale di Cupertino e cioè ridurre i costi per creare un modello di iPhone di fascia media che abbia un prezzo più abbordabile per gli utenti rispetto agli attuali iPhone.

Con molta probabilità la scelta di Cupertino ricadrà proprio sullo Snapdragon 400, che rappresenta la proposta di Qualcoom rivolta agli smartphone di fascia media.I System on a chip di Snapdragon 400 si caratterizzano per CPU dual-core o quad-core, rispettivamente fino a 1,7GHz e fino a 1,4GHz, ma presentano anche GPU Adreno 305, con la possibilità di gestire flussi video fino a 1080p.

Insomma, Apple stavolta sembra aver davvero l'intenzione di tagliare i ponti con Samsung, preferendo al suo posto la società di San Diego. Probabilmente dietro questa scelta c'è da parte di Apple la volontà di rendersi infatti più autonoma ed indipendente da quello che, nel corso degli ultimi anni, è diventato uno dei suoi principali competitors. La produzione di chip A-Series per i modelli attualmente a catalogo, comunque, continuerà ad essere effettuata nelle fabbriche dell'azienda sudcoreana.