Che fine fanno i nostri dati personali?

Il noto servizio di messaggistica offerta dalla società californiana WhatsApp mette a rischio la protezione dei dati personali degli utenti.

Quando si sottoscrive il servizio, l'app richiede il consenso di accesso alla rubrica dei contatti presenti sul proprio smartphone o tablet. In questo modo, però, è possibile accedere anche ai dati personali di chi non usa l'applicazione, ma è inserito in rubrica.

Il Garante della privacy ha chiesto chiarimenti sull'utilizzo di questi dati. WhatsApp, quindi dovrà presto comunicare quali tipi di dati personali degli utenti vengono raccolti e usati, come questi dati vengono conservati e protetti e soprattutto quali sono le misure adottate per proteggere i dati scambiati.