Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, lo ha presentato agli inizi del mese di aprile: Facebook Home è un sistema che consente di trasformare uno smartphone Android in un telefono del social. Grazie a questa applicazione è possibile avere in primo piano i propri contatti, gli amici sul social e rende più intuitivo l'accesso al network.

Come si legge su ilpost.it, si parlava ormai da tempo dell'arrivo sul mercato di un nuovo telefono che andasse ad affiancare altri modelli come Android e iOS della Apple, ma Zuckerberg ha colto di nuovo nel segno. Al posto di produrre un telefonino unico, che propabilmente non sarebbe piaciuto alla totalità dei suoi innumerevoli iscritti, ha pensato bene di creare un'applicazione per Android, il sistema operativo mobile maggiormente diffuso. Ecco che è nato Facebook Home, che viene innestato direttamente su Android ed è così rivolto ad un numero molto maggiori di possibili acquirenti.

La vita di Facebook Home è direttamente collegata con Android. Finchè quest'ultimo continuerà ad essere un sistema aperto entrambi potranno continuare a raccogliere successi. Secondo Zuckerberg, Google non ha intenzione di cambiare le cose e la convivenza continuerà. Sempre che Facebook Home non vada ad intralciare lo sviluppo di Google+.

Ma cos'è Facebook Home? Non si tratta di un telefono, né di un'applicazione. E' essenzialmente un'alternativa alla schermata di Android, che consente di entrare immediatamente in contatto con i propri contatti a partire dalla copertina. Una volta acceso il telefono, infatti, Facebook Home è in grado di mostrare le ultime attività dei propri amici e una sequenza di foto, commenti e aggiornamenti da loro caricati.

Una delle chicce di Facebook Home sta nella sezione Chat, dove è possibile conversare con i propri contatti in modo ancora più divertente, con notifiche più efficienti e sempre disponibili.