Mentre i leader irlandesi tentano di limitare il fuoco incrociato fiscale tra Apple e politici degli Stati Uniti, i mercati obbligazionari suggeriscono che non c'è bisogno di preoccuparsi.

Parlando ai legislatori di Dublino il ministro delle Finanze Michael Noonan ha insistito che il paese non è un paradiso fiscale, ad appena un giorno dalla seduta del Congresso a Washington che si è concentrata sulle manovre di Apple per ridurre al minimo il suo disegno di legge fiscale attraverso le sue operazioni svolte a Cork nel sud dell'Irlanda.

"Forse c'è stato un mago", ha detto Noonan, aggiungendo che l'Irlanda non "vuole essere un capro espiatorio per i malintesi" rispetto alle passività fiscali di Apple.

La posta in gioco è il modello irlandese di attrarre aziende estere con il più basso tasso di imposta sulle società in Europa occidentale che ha trascinato l'economia fuori dalla sua peggiore recessione mai registrata. Finora, gli investitori sono stati indifferenti ed i rendimenti sui titoli irlandesi a due anni sono vicini al minimo storico.

Dopo che il Ceo di Apple Tim Cook è apparso in una seduta del Congresso il 21 maggio, il rendimento sulle note irlandesi a due anni è stato cambiato a 0,78 per cento, il minimo dal 2003.

I primi 10 esportatori irlandesi rappresentano un terzo delle vendite all'estero, in un paese di 4,4 milioni di persone, 115.000 lavorano per società statunitensi tra cui Apple, Google, Pfizer Inc. e Microsoft Corp., secondo i dati della Camera di commercio americana.

Eppure, l'attenzione del governo sul corteggiamento delle società estere li ha messi nel mirino dei politici statunitensi; Apple, la più grande società tecnologica del mondo, ha negoziato un tax rate inferiore al 2 per cento con le autorità irlandesi e Cook ha detto ai legislatori che Apple non aveva fatto nulla di male e che paga "tutte le tasse che devono. Ogni singolo dollaro".

Apple, il produttore di iPhone e iPad, ha ridotto il proprio carico fiscale attraverso la creazione di un'unità a Cork, che non ha dichiarato la residenza fiscale in Irlanda perché non è né gestito né controllato nel paese e l'unità, essendo stata costituita in Irlanda non è un residente fiscale degli Stati Uniti.

Il fenomeno della "società senza stato" non può sopravvivere, ha detto Feargal O'Rourke, leader dei servizi legali in PricewaterhouseCoopers a Dublino, anche se probabilmente non ostacolerà la capacità del governo di attrarre investimenti.

"L'Irlanda ha una molto più ampia offerta di imposta che continuerà dopo questo", ha detto O'Rourke.
I costi unitari del lavoro al netto dell'inflazione sono scesi al 9,2 per cento tra il 2008 e il 2012 contro un aumento del 1,6 per cento nella media dell'Unione Europea, secondo Eurostat.

L'aliquota fiscale dell'Irlanda, confrontata con il 35 per cento negli Stati Uniti, il 33 per cento in Francia e del 23 per cento nelle aziende del Regno Unito,è in grado di ridurre il reddito imponibile in Irlanda sottraendo grandi pagamenti ai canoni.