La parola d'ordine è stupire. Apple vorrebbe imprimere una sterzata futuristica nella propria vision correlata al mercato degli smartphone proponendo sul mercato in modo deciso dispositivi dotati di schermi flessibili. La casa della Mela sta ampliando le proprie competenze in merito, come testimoniano gli innumerevoli brevetti depositati di recente, inserendo nel proprio organico un ingegnere specializzato ed affidandosi inoltre a partnerships con grandi gruppi quali ad esempio LG.

Durante il Salone Internazionale dei Display in corso di svolgimento a Vancouver, in Canada, la ditta coreana ha presentato al pubblico il primo schermo flessibile in grado di piegarsi senza incorrere in rotture.
La possibilità di poter usufruire di dispositivi con schermi flessibili renderebbe gli smartphone molto adatti a resistere a qualsiasi sollecitazione e sostanzialmente immuni da graffi, scalfiture o rotture accidentali dovute a caduta.

A Vancouver LG si è dimostrata all'avanguardia nello sviluppo di questa tecnologia capace di rivoluzionare il mondo dei dispositivi mobile. Il piano industriale della casa coreana consisterebbe nella produzione in massa di dispositivi flessibili con i quali andrebbero equipaggiati tutti gli smartphone in circolazione e in particolare gli iPhone di nuova generazione dato che LG rappresenta uno dei principali partner della casa di Cupertino per la fornitura di schermi.

Il CEO di LG Display Han Sang-beom, ha confermato nel corso del marzo scorso la volontà di produrre su larga scala schermi OLED flessibili. In particolare il display introdotto e presentato in Canada consiste in uno schermo quadrato da cinque pollici in materiale plastico flessibile e infrangibile.

L'applicazione su vasta scala di tale componente comporterebbe inoltre ad un restyling del design dei futuri smartphone con potenzialità ancora maggiori.

LG ha inoltre già presentato al pubblico anche la sua TV OLED curva da 55 pollici ed alcuni pannelli HD Oxide TFT da 5/7 pollici ultrasottili (spessore pari a circa 1 mm) senza bordi.