L'attesa per iPhone 6 durerà qualche mese in più del previsto. Apple sembra ormai orientata - per motivi strategici o a causa di ritardi nella fase di progettazione, questo non ci è concesso saperlo - ad occuparsi prima del lancio del nuovo iPhone 5S, evoluzione dell'ottimo iPhone 5.

Così facendo, però, Apple lascia le redini del mercato smartphone nelle mani di Samsung almeno fino ai primi mesi del 2014, quando finalmente - pare - uscirà lo smartphone che dovrebbe sfidare direttamente lo strapotere dell'azienda coreana, consolidatosi ulteriormente dopo l'uscita del Galaxy S4.

Il Samsung Galaxy S4 lo conosciamo bene, mentre sappiamo ancora poco dell'Apple iPhone 6. Il nuovo "melafonino" sarà sicuramente più performante e ancora più veloce dell'iPhone 5, grazie al sistema operativo iOS 7, nuovo di zecca, e al processore - si parla di un quad-core Apple A7 da 1.2 GHz con 2GB di RAM - che consentiranno una maggiore durata della batteria, uno degli aspetti che gli utenti iPhone attendono maggiormente. Anche dal punto di vista della memoria interna dovrebbero esserci dei passi in avanti, con formati sempre maggiori: si dice, infatti, che verrà eliminato il modello da 16 GB, per fare spazio alla vendita delle versioni da 32, 64 e 128 GB.

Dal punto di vista visivo ed estetico, invece, sembra che iPhone 6 avrà uno schermo leggermente più grande e allo stesso tempo uno spessore ridotto: il display sarà al 99 per cento uno Sharp IGZO, piatto e non curvo come alcuni rumors hanno annunciato di recente. Il tasto Home diventerà touch, in questo modo gli unici tasti fisici saranno quello del volume e il tasto ON/OFF.

Infine, anche se non vi è una conferma ufficiale, sembra che iPhone 6 potrà disporre della tecnologia NFC, acronimo di Near Field Communication, che consente già di effettuare microtransazioni e pagamenti di vario genere tramite il proprio smartphone. Questo tipo di innovazione è ancora in fase sperimentale, ma è certo che a breve diventerà una realtà a disposizione di tutti, se pensiamo alla potenziale utilità per piccole azioni quotidiane come pagare un biglietto del bus o del treno, ad esempio.

In conclusione, sono tanti i punti di forza - molti dei quali ancora sconosciuti - su cui iPhone 6 potrà basarsi per rilanciare Apple nel mercato degli smartphone. Resta solo da attendere e vedere quali dei due modelli venderà di più: a questo proposito, Apple rischierebbe tanto se rimandasse ulteriormente la data di uscita di iPhone 6: considerando la crisi dei mercati e la diminuzione del potere d'acquisto degli utenti, infatti, si prevede un ulteriore flessione negativa per quanto riguarda il mercato degli smartphone di alta fascia e dall'elevato prezzo di vendita.

Probabilmente è proprio questo il motivo che ha portato Apple a occuparsi prima di iPhone 5S e del tanto vociferato iPhone low cost - uscita prevista per il prossimo autunno - che con tutta probabilità avranno un prezzo più contenuto e saranno dunque destinati a un più ampio bacino di utenti.