La progressione tecnologica pianificata dalla Apple non conosce freni o rallentamenti. La ricerca di dispositivi sempre più moderni e innovativi rappresenta la chiave del successo della casa di Cupertino e la molla per trainare un mercato che, nonostante la crisi economica globale contemporanea, si presenta comunque molto dinamico e vorace di novità.

Alcune indiscrezioni e in particolare un brevetto depositato dalla casa della Mela presso lo U.S. Patent and Trademark Office, evidenziano come vi sia la volontà da parte del gruppo di Tim Cook di inserire nel nuovo melafonino una caratteristica molto originale.

Per la precisione il brevetto numero 8.452.020 denominato "aggiustamento delle proprietà acustiche basato sul rilevamento della prossimità" consisterebbe in un sistema per regolare il volume degli altoparlanti in funzione della distanza tra dispositivo e orecchio. Vi sarebbe inoltre la possibilità di cambiare speaker in caso di necessità.

In sostanza l'iPhone 6, nell'idea dei progettisti, diventerebbe in grado di passare dal consueto ricevitore allo speaker nel caso in cui venga superata una distanza preimpostata tra smartphone e orecchio. Questo permetterebbe di passare senza selezioni manuali da telefonate tradizionali a conversazioni in viva voce (e viceversa) deponendo o prelevando il melafonino in o da un punto mentre si svolgono altri compiti.

Nel brevetto sono incluse inoltre alcune specifiche sull'utilizzo di sensori a raggi infrarossi capaci di abilitare o disabilitare la funzione touchscreen nel caso in cui l'iPhone venga portato vicino all'orecchio per l'effettuazione di una chiamata tradizionale.

Inoltre è ormai certo come l'iPhone 6 (o forse già il 5 S) dovrebbe raddoppiare la risoluzione Retina del display portandola a 1,5 milioni di pixel e permettendo all'utilizzatore un contatto ancora maggiore con il mondo che lo circonda.