Il punto debole di Apple potrebbe diventarne il punto di forza in un futuro non troppo lontano. Sono ben note le polemiche che le mappe di Apple hanno suscitato poco tempo addietro, con alcuni svarioni clamorosi, il tutto aveva addirittura costrettoTim Cook a rilasciare delle pubbliche scuse e aveva provocato il siluramento di Richard Williamson, responsabile del team che aveva coordinato lo sviluppo di Apple Maps.

A distanza di pochi mesi, dal quartier generale di Cupertino trapelano indiscrezioni che riferiscono di una prossima forte integrazione tra l'iPhone e le automobili con la possibilità, secondo alcuni, di vedere le Apple Maps sui vari schermi del veicolo, ma anche di lanciare comandi di uso frequente per l'automobilista tramite il sistema di riconoscimento vocale Siri.

La prossima versione di iOS, il 7, vedrà la comparsa di una nuova modalità di uso per l'iPhone detta 'Occhi liberi', un curioso contraltare rispetto al Samsung Galaxy S4, che dell'uso degli occhi per il controllo touchless del dispositivo ha fatto la bandiera della intera campagna pubblicitaria.

Da febbraio di quest'anno la Chevrolet è la prima casa automobilistica ad offrire l'integrazione dell'iPhone con i modelli Sonic e Spark per gli Stati Uniti già con iOS6, ma i rumors suggeriscono che Apple sta sviluppando, "insieme a Audi, BMW, Chrysler, Honda, General Motors, Jaguar, Land Rover, Mercedes e Toyota, l'integrazione del suo software di riconoscimento vocale Siri con i sistemi di intrattenimento di bordo"

C'è però molta curiosità su cosa si potrà fare con la voce in macchina usando Siri, oltre all'intrattenimento di bordo: sicuramente con 'Occhi Liberi' sarà possibile continuare ad usare le attuali funzioni di iPhone, ma la sorpresa per gli automobilisti potrebbe essere nella comparsa di alcune funzioni che consentano ad esempio all'automobilista di aprire il baule con un "apriti cofano".