E' stato presentato ufficialmente il nuovo HTC Butterfly S, diretto successore del Butterfly, uno dei primi "phablet" usciti sul mercato. Dopo la recente presentazione dell'HTC Desire 200, il modello economico e scarsamente soddisfacente della casa taiwanese, questo nuovo prodotto appare come un vero gioiello di tecnologia. Una rivisitazione decisamente potenziata del suo predecessore, lo smartphone HTC Butterfly, con in più diverse caratteristiche prese in prestito dal tanto decantato HTC One. Una fusione perfetta, dunque, specialmente in termini di hardware, che ne fa un prodotto d'alta fascia.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, troviamo innanzitutto un display da 5 pollici Super LCD 3, in formato Full HD, con una risoluzione pari a 1920×1080 pixel. Il processore, è un Qualcomm Snapdragon 600 da 1,9 GHz, un quad-core decisamente performante e migliore di quello dell'HTC One. La RAM è da 2 GB e la memoria interna è da 16 GB, espandibile fino a 64 GB mediante slot per microSD. Ottima la fotocamera posteriore da 4 ultrapixel con sensore BSI da 1/3 pollici e un'apertura F/2.0; è, inoltre, presente una fotocamera frontale da 2,1 megapixel che permette ottimi scatti, specie in modalità "ritratti". Dal punto di vista della connettività, troviamo: Wi-fi, Bluetooth 4.0, NFC, DLNA, GPS/A-GPS, e USB.

Ma la vera punta di diamante dell'HTC Butterfly S, che lo porta a superare ampiamente tutti i concorrenti, è costituita dalla batteria che passa a una capacità di 3.200 mAh.

Dal punto di vista del design non si registrano cambiamenti significativi, a parte la presenza del doppio altoparlante anteriore BoomSound. Le dimensioni sono pari a 144,5x70,5x10,6 con un peso di 160 grammi. Un pò più pesante e voluminoso, dunque, rispetto al modello precedente, ma il tutto è giustificato dalla batteria notevolmente più performante.

Il sistema operativo sarà Android 4.2 Jelly Bean, personalizzato mediante l'interfaccia utente HTC Sense 5.0. Il lancio sul mercato a Taiwan è previsto per il mese di luglio, mentre il prezzo sul mercato asiatico sarà pari a 570 euro.

L'unica domanda che rimane, per il momento, senza risposta è se questo gioiellino verrà commercializzato anche in Europa.