Già da tempo andava avanti la vicenda giudiziaria "Samsung contro Apple", nella quale la casa sudcoreana accusava la casa di Cupertino di aver violato alcuni brevetti inerenti i metodi di codifica e decodifica relativi alle reti CDMA (brevetto n° 7.706.348, legato ai brevetti essenziali sul 3G).

Oggi è arrivata la risposta dalla U.S. International Trade Commission, che ha stabilito che i modelli iPhone 4, iPhone 3GS, iPhone 3, iPad 3G e iPad 2 3G distribuiti negli Stati Uniti da AT&T debbano essere banditi dal mercato statunitense.

L'agenzia statunitense per la concorrenza ha emesso quindi un ordine di blocco delle importazioni negli Stati Uniti - dai fornitori fuori dall'America, Cina e Taiwan in primis - che sarà esecutivo fra 60 giorni.
La Apple spera ora che Barack Obama intervenga: solo un veto presidenziale potrebbe fermare lo stop alle vendite.

Un colpo inaspettato per la Apple, forte della vittoria dell'estate scorsa, che tuttavia può continuare a commercializzare i prodotti più recenti (iPhone 5, iPad 4 e iPad mini), che non sono a rischio. La Samsung invece potrebbe trarre da questa soddisfazione nuova linfa per avviare ulteriori cause contro la Apple, la quale ha comunque diramato un comunicato nel quale si dice delusa e assicura che intende fare ricorso alla Corte d'Appello.