Da poche ore le compagnie americane Motorola e Google hanno ufficialmente comunicato il Moto X, l'originale smartphone con il quale l'azienda statunitense di Mountain View in California, famosa soprattutto per il motore di ricerca Google, per il software Android e per un seguito di servizi via web come ad esempio YouTube, Google Maps, Gmail e molti altri ancora, lancia una sfida al top di gamma iPhone 5.

Nel maggio del 2011, Apple e l'operatore France Telecom hanno analizzato ed elaborato una nuova SIM di dimensione più piccola, la "Nano-SIM" attualmente adottata esclusivamente da due device: l'iPhone 5 e il PadFone Infinity di Asus, il Moto X ad applicarne l'utilizzo diverrebbe il terzo dispositivo.


L'idea della nano-SIM è usufruire dello spazio interno dell'apparecchio, per poter aggiungere vari elementi come ad esempio una batteria di maggiore portata, in grado di sostenere il funzionamento di "ascolto continuo" in pratica il Moto X sarà ininterrottamente in ascolto, in condizione di captare comandi vocali senza dover premere nessun tasto.


I due modelli firmati Apple e Google hanno come sistemi operativi: iOS 6.1.4 per quanto riguarda l'iPhone 5, mentre per il Moto X abbiamo Android 4.2.2 Jelly Bean.

Google ha optato per una RAM (memoria ad accesso casuale) di 2GB, accessibile nella versione tra i 16 o 32 GB (memoria non espandibile) insieme ai 50 GB che Google Drive mette a disposizione gratuitamente per un periodo di due anni, contrariamente a 1GB del melafonino, accessibile nella versione da 16, 32, o 64 GB (memoria non espandibile).

Motorola e Google offrono una fotocamera anteriore da 2 MP e una fotocamera posteriore da 10,5 MP con tecnologia Clear Pixel, invece l'iPhone 5 mette a disposizione una fotocamera anteriore da 1,2 MP e una fotocamera posteriore da 8 MP.

Di gran lunga superiore la batteria del Moto X, con una capacità di 2.200 mAh contro i 1,440 mAh dell'iPhone 5.

Pertanto, si deduce che per quanto concerne le specifiche tecniche, il Moto X attualmente sia migliore dell'iPhone 5.