Nuovo di zecca, attaccato di fretta. Il nuovo sistema operativo della casa Apple, iOS 7, lanciato con un grande battage pubblicitario, è stato appena attaccato dagli hackers. Infatti sembra che il sistema sia stato preso di mira nei suoi lati più deboli, come l'applicazione di security TouchID e la possibilità di effettuare chiamate anche con un Iphone chiuso alla rete.

Attaccato l'iPhone 5S. Il nuovo gioiello della mela morsicata è stato aggirato nel pulsante Home, ossia nel sensore incapsulato che decodifica le impronte digitali dell'utente come password. Questa protezione era stata lanciata come una grande novità della sicurezza della telefonia mobile, basata proprio sul riconoscimento delle dita, per accedere al telefonino fare acquisti oppure sbloccare l'iPhone. Ma gli hackers hanno attaccato il sistema. Sembra infatti che una semplice scansione e una stampa a grandissime risoluzioni siano in grado di bypassare la protezione. A rendere nota la notizia sono stati proprio gli hackers tedeschi di Chaos Computer Club.

Il video degli hackers. I pirati tedeschi infatti hanno realizzato un video dimostrativo del procedimento per aggirare la protezione di iOS7: una stampante da 2400 dpi è sufficiente per cogliere l'impronta delle dita dell'utente, poi l'immagine viene rielaborata - dal bianco al nero - e per completare una stampante 1200 dp per "stampare" le dita dell'ignaro cliente. Poi seguono lavori di bricolage: uno strato di resina sulla stampante, lente di ingrandimento - con sicumera da chirurgo - e poi il tutto inumidito per dare la sensazione di un dito. Et voilà, il gioco è fatto: l'impronta è stata copiata, e il telefonino si sblocca.