Circa 220 mila utenti a Capodanno non hanno potuto telefonare o inviare Sms per gli auguri. Sono quelli di Bip Mobile, operatore di telefonia cellulare cosiddetto virtuale. Ma cosa significa, quali sono i vantaggi ed i rischi per chi sottoscrive contratti con quelli che in gergo si chiamano MVNO (Mobile Virtual Network Operator)?

Ebbene, al riguardo l'Associazione Adiconsum ha fatto chiarezza nel far presente come questi operatori non possiedano una licenza di telefonia mobile, ma operano appoggiandosi ai cosiddetti MNO, che sono gli operatori mobili reali come Tim, Wind e Vodafone, ed agli MVNE, i cosiddetti enabler con Bip Mobile che in particolare si era sinora appoggiato alla società Telogic.

Il vantaggio di sottoscrivere i piani con gli operatori mobili virtuali è legato in genere per i consumatori alle tariffe che sono più basse rispetto alla media di mercato specie attraverso le promozioni. Il rischio è però quello di vedersi staccato il servizio senza preavviso così come accaduto nel caso di Bip Mobile.

In merito, infatti, l'Adiconsum ha sottolineato come in questo momento in Italia manchino regole in grado di tutelare a dovere i consumatori/clienti degli MVNO così come accaduto per Bip Mobile. Solo in questi ultimi giorni la situazione sembra sulla carta essersi sboccata a favore dei clienti Bip Mobile che, nello scegliere il cambio operatore, dovrebbero riuscire ad ottenere la portabilità del numero di cellulare senza dover attendere troppo.