Per avere un iPhone 5, sul mercato italiano, si possono sfruttare le offerte di Tre, Tim o Vodafone, che propongono lo smartphone in abbonamento mensile. Pensate se però, ad un certo punto, una compagnia telefonica vi proponesse uno scambio: il vostro BlackBerry per un iPhone 5 a costo zero. Voi cosa fareste?

Un'offerta impossibile? Forse in Italia, perché negli USA è successo veramente con l'operatore T-Mobile che ha lanciato una promozione shock su internet. Per avere un iPhone incluso nella tariffa di un operatore, in genere, bisogna sottoscrivere un abbonamento, ma T-Mobile ha proposto semplicemente di darlo in cambio al posto dello smartphone BlackBerry senza spese aggiuntive.

Le reazioni della casa tecnologica canadese, BlackBerry, non si sono fatte attendere con l'amministratore delegato Jonh Chen che, tramite un post sul blog ufficiale dell'azienda, ha comunicato la propria indignazione per una proposta commerciale considerata sleale per la concorrenza sul libero mercato.

Imbarazzo in casa T-Mobile, invece, con il Ceo John Legere che è rapidamente intervenuto su Twitter per scusarsi e recuperare una situazione complicata. Il segnale, in ogni caso, non è stato positivo per BlackBerry, ormai da tempo in crisi di vendite e di appeal sul mercato.

Dopo il rincorrersi di voci sulla possibile vendita dell'azienda, si parlava di Lenovo come possibile acquirente, BlackBerry ha provato a rialzarsi e ha recentemente siglato una nuova partnership con Foxconn per la realizzazione di nuovi smartphone a basso prezzo. In questa fase di transizione, però, tenersi stretti i vecchi clienti è fondamentale e l'offerta di T-Mobile non deve aver fatto piacere ai dirigenti di BlackBerry.

Il polverone, quindi, è stato alzato e, nonostante le scuse formali, l'impressione è che anche gli operatori telefonici stiano abbandonando la casa canadese. T-Mobile, dal canto suo, cerca di recuperare la fiducia di BlackBerry offrendo 250 dollari di traffico ai clienti che passano da un vecchio a un nuovo smartphone dell'azienda di Jonh Chen.

Un messaggio di pace che difficilmente cancellerà l'onta di questa campagna pubblicitaria che si ricorderà per molto tempo. Apple, l'altra casa tecnologica chiamata in causa, resta in disparte e, probabilmente, se la ride, mentre Mike Sievert, chief marketing officer di T-Mobile, dichiara: "Vogliamo dimostrare agli utenti di Blackberry quanto apprezziamo e rispettiamo la loro passione e fedeltà a T-Mobile e a Blackberry".