Acquistare uno smartphone è diventato facile ed economico grazie ai piani tariffari in abbonamento: per avere un iPhone 5 o un Samsung Galaxy S5 oggi basta confrontare le offerte di Tim, Wind, Vodafone e Tre e quindi scegliere il prezzo più conveniente. Tuttavia negli ultimi tempi si è diffusa preoccupazione fra i consumatori riguardo alla sicurezza dei dispositivi mobili: i dati sensibili degli utenti sarebbero facilmente fruibili da hacker esperti e malintenzionati.

Oggi i nostri sistemi di sicurezza sono dominati da portalo di accesso "classici" con la richiesta di username e password. Il futuro, però, parla di sensori di riconoscimento vocale e lettori di impronte digitali: quest'ultimo sistema è già stato sperimentato nel nuovo Galaxy S5 smartphone top di gamma fra i prodotti di Samsung. La tecnologia è stata realizzata in collaborazione con PayPal, diventata ormai partner di Samsung per lo sviluppo di nuovi standard per la sicurezza degli utenti.

Impronte digitali, riconoscimento vocale, ma anche lettura dell'iride dell'occhio: insomma questi sono i sistemi di sicurezza del futuro destinati a soppiantare le ormai vetuste password. A dirlo è la testata online Tages Anzeiger che fa un'analisi dettagliata di questi nuovi meccanismi di sicurezza con particolare riferimento ai servizi bancari. Ovviamente le app relative a conti correnti o prodotti simili sono le più delicate e vengono spesso prese di mira dagli hacker e di conseguenza è bene metterle al riparo.

Nel Samsung Galaxy S5 è presente uno dei più innovativi sistemi di difesa dagli hacker perché le impronte digitali sono un patrimonio personale difficilmente replicabile. Il sistema di cui stiamo parlando si chiama "Fido" (Fast Identity Online) e dopo Samsung anche Google e Microsoft stanno mettendo a punto soluzioni simili in particolare dedicate ai servizi finanziari. Apple, ovviamente, non vuole essere da meno e ha già sviluppato il proprio sistema di riconoscimento di impronte digitali che però, per ora, è valido solo su sistema operativo iOS.

Insomma se avete uno smartphone nel futuro non sarà più necessario inventarsi password complicatissime per mettere al sicuro i propri soldi o i propri dati personali. Per accedere a un servizio, infatti, basterà usare le proprie dita.