Si sa, paragonare l'iPhone e il Samsung è ormai diventato un esercizio quotidiano, specialmente se si deve decidere se acquistare l'uno o l'altro smartphone approfittando delle offerte di operatori come Vodafone, Wind e così via. Di fianco alla querelle legale, infatti, un gran numero di utenti si professa ogni giorno amanti dell'uno o dell'altro sistema operativo, in un dibattito spesso molto acceso.

E se arriva il delicato momento di scegliere il migliore smartphone incluso nella tariffa, forse è bene dare un'occhiata al sondaggio targato Usa che classifica gli utenti dei due diversi sistemi operativi con risultati molto interessanti e curiosi. Forbes si è servito dei dati di CivicScience per analizzare le risposte di 27 milioni di persone e fornire così un identikit degli utenti.

I fan della mela sono più colti e più ricchi degli antagonisti. A scegliere l'iPhone sono + 27% dei laureati rispetto alla media americana, contro il + 8% di chi possiede uno smartphone Android. Gli utenti Apple hanno inoltre il + 11% di ricchezza rispetto alla media di guadagno di 75 mila dollari l'anno, fattore che cresce con il crescere del reddito.

Gli utilizzatori Android si dimostrano invece professionisti in ambito scientifico o tecnologico, mentre i manager preferiscono l'iPhone. I primi hanno rinunciato anche alla linea telefonica fissa (il 30%), contro l'1 su 4 dei clienti Apple. L'età non costituisce una differenza significativa, mentre il genere sì: le donne preferiscono l'iPhone, gli uomini Android.

Accanto a dati su reddito, professione e istruzione, compaiono altri indici parecchio curiosi: secondo la ricerca di Forbes, infatti, chi sceglie Android fa più uso di superalcolici, mentre i clienti Apple hanno meno auto. Questi ultimi, però, confessano di essere dipendenti dal proprio dispositivo, ben due utenti su tre, contro l'appena 30% del totale dei clienti Android.

Anche se le percentuali sono parziali, la ricerca Usa ha svelato che sulla piattaforma iPhone gira molto più denaro rispetto alle altre e questo sarebbe il principale motivo per cui gli sviluppatori preferiscono lavorare con iOS. Questo spiega anche perché esistono molte più applicazioni per iPhone rispetto a quelle dedicate ad Android.