Lo smartphone è ormai una protesi del nostro corpo. Lo portiamo sempre con noi, al lavoro come a casa. Pertanto chiunque riuscisse a localizzare il nostro cellulare, saprebbe sempre dove siamo e costa stiamo facendo: è il caso di Cerberus. Cerberus è un'app per Android che nasce come antifurto, ma che può essere configurata per localizzare ovunque un device. Sono molti quelli che, dopo aver messo i piani tariffari Tre a confronto con quelli di Tim, Wind e degli altri operatori per trovare l'offerta più adatta alle proprie esigenze, hanno scaricato Cerberus. L'app conta infatti cinque milioni di download e migliaia di recensioni positive.

Un antifurto per smartphone

Il successo dell'app è dato dal suo obiettivo originario: Cerberus nasce con scopi di difesa. Il nome deriva da Cerbero, il mitologico cane a teste posto a guardia dell'Inferno. L'applicazione serve a proteggere lo smartphone da un eventuale furto, e permetterne il ritrovamento mediamente la geolocalizzazione. Cerberus agisce in background e rintraccia la posizione del cellulare sfruttando alcune componenti hardware di quest'ultimo. A giudicare dalle recensioni scritte da chi si è informato sugli smartphone dei vari operatori per trovare il più conveniente, è perfetta nello svolgere il proprio compito.

Inoltre l'app può diventare invisibile. Dopo l'installazione, l'utente può scegliere di far sparire l'icona dal display dello smartphone: in tal modo l'autore del furto non sa che può essere rintracciato. L'opzione"nascondi dalla lista applicazioni" è accessibile dal menù dell'applicazione. È anche disponibile la funzione di controllo remoto, che permette di controllare Cerberus da qualsiasi pc connesso ad Internet. Basterà collegarsi al portale dell'applicazione e accedere tramite il nome utente e la password inseriti al momento dell'installazione. Si potrà quindi vedere una grande mappa digitale in cui sarà segnata la posizione del device ed ogni suo singolo aspetto.

La possibilità di spiare

Tramite il controllo remoto si potranno avere dati come la lista delle ultime chiamate e degli ultimi SMS inviati e ricevuti, scattare foto, girare video, e registrare audio e aprire le app installate. Cerberus svolge quindi egregiamente la funzione di antifurto, ma sa fare allo stesso modo quella di spia. Se qualcuno riuscisse a installare Cerberus sul cellulare di un'altra persona ad insaputa di quest'ultma, avrebbe accesso a chiamate, messaggi e posizione GPS di quest'ultima.

Tuttavia a questo punto entra in gioco il diritto alla privacy. Se qualcuno dovesse usare Cerberus per spiare un'altra persona, violerebbe tale diritto e potrebbe incorrere in sanzioni. Bisogna fare quindi molta attenzione all'utilizzo che si fa di questa app, per non rischiare pesanti conseguenze. Negli altri casi, Cerberus rimane un'app altamente consigliata per l'affidabilità che garantisce.