Ultimamente si è sentito molto parlare dei servizi a pagamento non richiesti per smartphone. Si tratta di contenuti in abbonamento che costano parecchio, ma che spesso non sappiamo nemmeno come abbiamo fatto ad attivare. Questo perché, nella maggior parte dei casi, gli stessi operatori telefonici fanno in modo di rendere l'attivazione del servizio un po' nebulosa, in modo che il tutto avvenga senza che tu te ne accorga. Non importa quindi se hai sottoscritto un'offerta di Tim, Tre, Vodafone, Wind, ecc.: stai sempre allerta perché il rischio truffa è sempre dietro l'angolo!

Servizi a pagamento non richiesti: cosa sono?

I servizi a pagamento non richiesti possono avere diverse forme. Un esempio molto comune sono quegli sms o mms dai contenuti più diversi (oroscopo, ricette, chat, anticipazioni tv…) che ti vengono inviati sul tuo smartphone con cadenza regolare a che ti costano molto più dei normali messaggi. Per attivarli basta poco: a volte basta sfiorare un banner pubblicitario, in altri casi il solo tentare di chiudere una finestra pop up equivale a dare il proprio consenso all'attivazione del servizio.

DA LEGGERE: Hai uno smartphone Android? Molti dispositivi sono in pericolo

Difendi il tuo smartphone con il barring sms

Se vuoi proteggere il tuo smartphone dai servizi non richiesti via messaggio puoi attivare il barring sms. Si tratta di un servizio che blocca tutti gli sms a pagamento di questo tipo. Proprio per questo motivo, però, la procedura presenta un inconveniente: bloccare anche i servizi a pagamento attivati consapevolmente, come ad esempio gli sms alert della banca. Se desideri comunque procedere all'attivazione del barring sms ecco quello che devi fare a seconda dell'operatore che hai scelto:

· TIM: chiama il 119 e chiedi che il tuo numero di cellulare venga inserito nella black list per evitare che in futuro ti possano addebitare costi per servizi aggiuntivi non richiesti. In alternativa, puoi inoltrare la richiesta anche tramite il sito dell'operatore, nella sezione Assistenza Clienti.

· VODAFONE: chiama il 190 e chiedi all'operatore di attivare sulla tua utenza il barring sms, oppure fai la richiesta tramite il sito.

· WIND: chiama il 155 e chiedi il blocco dei servizi a sovrapprezzo. Puoi richiederlo sia per le chiamate da numeri a pagamento, tipo quelli che iniziano con 899 o 166, sia per gli sms, oppure solo per uno dei due servizi. Anche in questo caso puoi inviare la richiesta all'operatore direttamente dal sito.

· TRE: chiama il 133 e chiedi che ti venga attivato il barring sms, oppure inoltra la richiesta tramite il sito nella sezione Assistenza Clienti.

Cosa fare in caso di attivazione di un servizio non richiesto?

Se ti accorgi di strane variazioni del tuo credito telefonico, probabilmente ti è stato già attivato un servizio a pagamento non richiesto. In questo caso chiama subito il call center del tuo operatore, spiegagli la situazione e richiedi che ti venga disattivato subito il servizio.

Oltre alla telefonata è bene inviare in ogni caso un reclamo scritto all'operatore telefonico: qui dovrai ribadire quanto detto per telefono e, in più, chiedere che ti venga restituito il credito sottratto indebitamente tramite l'attivazione non richiesta di servizi a pagamento sul tuo smartphone.

Se dopo 40 giorni non ottieni alcuna risposta o la tua richiesta viene respinta, se pensi di aver diritto al risarcimento puoi rivolgerti al Comitato Regionale per le Comunicazioni (Co.Re.Com) della tua Regione.