Premessa: per poter considerare questo articolo utile, bisogna possedere uno smartphone, ma, per chi ancora possiede un Nokia 3310, può risultare comunque una lettura simpatica e interessante.
Avete presente le emoji? Sono tutti quei simboli pittografici, nati in Giappone negli anni '90, che si utilizzano nei messaggi e nelle mail; sono dei modificatori pragmatici che hanno diverse funzioni: attenuano richieste, sostituiscono parole, creano empatia tra utenti e tanto altro.
Ma chi decide quali emoji introdurre nella nostra quotidianità?

Consorzio Unicode: ecco chi sceglie le emoji

Che abbiate un Iphone, un Samsung, un Nokia o un qualsiasi altro smartphone moderno, disporrete sicuramente della tastiera emoji per mail, sms o messaggi di whatsapp. Negli ultimi tempi si sono aggiornate queste tastiere e sono stati introdotte diverse novità che hanno anche fatto discutere, basti pensare al dito medio.
Chi analizza, valuta e introduce le nuove emoji è il Consorzio Unicode, ente internazionale di aziende interessate alla interoperabilità nel trattamento informatico dei testi in lingue diverse.

Le modalità con cui vengono scelte le emoji da inserire sono grossomodo 3:

  • compatibilità: se un simbolo pittorico già diffuso non è stato ancora tradotto in Unicode;

  • frequenza d'uso: analisi dettagliata sul fatto che una emoji possa essere utilizzata o meno;

  • completezza: ad esempio, l'inserimento delle diverse carnagioni per quanto riguarda le faccine ha completato il "blocco" faccine che inizialmente erano solo di colore giallo.

DA LEGGERE: Come risparmiare batteria Samsung penalizzata da Facebook?

Il parere del presidente del Consorzio Unicode sulle emoji

Come ha dichiarato al NY Times, Mark Davis, dai suoi 63 anni di esperienza, ha dichiarato che predilige il linguaggio verbale a quello simbolico delle emoji, perché, nella maggior parte dei casi, non si creano fraintendimenti e non nasce la possibilità di imbattersi in diatribe interpretative.
Nel futuro, però, conclude Davis, il linguaggio emoji (che già ora ha una tastiera a sé) potrebbe diventare un vero e proprio linguaggio, come accaduto in Cina per gli ideogrammi.

Staremo a vedere :)