Si sa, al giorno d'oggi i dispositivi elettronici come smartphone, tablet e computer invecchiano a una velocità impressionante e, quando si guastano, farli aggiustare comporta dei costi di riparazione che spesso superano quelli per l'acquisto di un nuovo dispositivo.

Questo vale particolarmente per gli smartphone di ultima generazione che, dopo qualche anno, cominciano ad avere guasti e rallentamenti del sistema operativo. E così, una volta constatato che le spese per ripararlo sono piuttosto alte, non ci resta che scegliere e acquistare uno dei numerosi modelli di cellulare presenti sul mercato della telefonia.

Ma che cosa fare del vecchio dispositivo elettronico? Se anche tu hai appena cambiato il tuo telefono mobile e non sai come liberarti del vecchio apparecchio, oggi abbiamo deciso di spiegarti come smaltire correttamente un cellulare.

Che cosa sono i RAEE?

Devi sapere che, nel momento in cui decidi di buttare via il tuo vecchio cellulare, questo va a rientrare automaticamente nella cosiddetta categoria dei RAEE, ovvero dei Rifiuti di Apparecchiature Elettroniche ed Elettriche che, a differenza di altri tipi di rifiuti, necessitano di un trattamento diverso per essere smaltiti correttamente.

In particolare, i cellulari fanno parte del raggruppamento R4, la categoria RAEE che include, appunto, tutta l'elettronica di consumo ma anche piccoli elettrodomestici e apparecchi di illuminazione.

Qualora ti trovassi con un cellulare da smaltire, quindi, è importante sapere che questo non dovrà essere gettato nel sacchetto dell'indifferenziata di casa né tanto meno abbandonato nell'ambiente o nelle discariche. Infatti, i cellulari contengono delle sostanze inquinanti e nocive che, bruciando nei tradizionali inceneritori, contaminano il suolo, l'aria e l'acqua con ripercussioni gravi sulla nostra salute.

Proprio perché i Rifiuti di Apparecchiature Elettroniche ed Elettriche rappresentano la categoria di rifiuti in più rapido aumento a livello globale, con un tasso di crescita tre volte superiore a quello dei rifiuti normali, imparare a smaltirli nel modo corretto è una priorità, per noi e per l'ambiente.

DA LEGGERE: Caratteristiche iPhone 5se, il nuovo smartphone Apple

Come smaltire uno smartphone correttamente?

I cellulari da smaltire rappresentano buona parte dei RAEE e, di conseguenza, sapere come disfarcene in maniera corretta è molto importante.

A questo proposito l'Unione Nazionale dei Consumatori ricorda che è possibile smaltire i rifiuti elettronici a costo zero presso buona parte dei negozi di elettrodomestici. Si tratta di una recente novità contenuta nel Decreto del Ministero dell'Ambiente e soprannominata "uno contro zero" proprio perché, qualora tu voglia smaltire il tuo dispositivo elettronico presso il negozio non è necessario acquistarne uno nuovo.

Il servizio di smaltimento, entrato in vigore qualche giorno fa (22 Luglio 2016), è obbligatorio per tutti i negozi con una superficie di vendita al dettaglio di almeno 400 metri quadrati mentre si tratta ancora di un provvedimento facoltativo per i negozi più piccoli o per gli store online.

Nello specifico i negozianti potranno accettare dispositivi classificati come RAEE con una lunghezza massima di 25 cm. Per disfarti del tuo vecchio smartphone, quindi, non dovrai fare altro che recarti in uno di questi punti vendita e consegnarlo nelle specifiche aree destinate alla raccolta dei RAEE. Al raggiungimento di 1000 Kg di prodotti, sarà infatti il negozio a prendersi carico dello smaltimento dei dispositivi entro un anno.